Ford

Agli inizi del XX secolo le automobili erano solo dei giocattoli nelle mani di poche persone ricche. La maggioranza dei modelli erano macchine complesse che per essere guidate avevano bisogno di un’autista che conoscesse le loro specifiche caratteristiche meccaniche. Henry Ford decise di costruire un’automobile semplice, di fiducia ed accessibile; un’automobile che fosse alla portata di un lavoratore americano medio. Questa idea diede origine al Modello T, primo modello costruito in massa e con una catena di montaggio – due innovazioni che rivoluzionarono la società nordamericana e modellarono il suo attuale stile di vita.

La Storia di Ford

Henry Ford non inventò l’automobile; ciò che fece fu produrre un’automobile che fosse alla portata economica dell’americano medio. Mentre altri produttori si sentivano soddisfatti e si dirigevano al mercato dei ricchi, Ford sviluppò un design ed un metodo di produzione che ridusse costantemente il costo del Modello T. Invece di pensare solo ai guadagni, Ford diminuì il prezzo della sua auto. Come risultato, la Ford Motors vendette più automobili ed incrementò così in modo sensibile i suoi profitti – trasformando l’automobile da un articolo di lusso ad un bene necessario della società americana.

La Storia

La Ford Motor Company, creata da Henry Ford ed i suoi 11 soci, è entrata nel mercato mondiale il 16 luglio 1903. Con 28.000 dollari in contanti, i primi industriali crearono quella che in futuro sarà una delle più grandi compagnie del mondo. Poche imprese sono così intimamente legate alla storia ed allo sviluppo dell’industria e della società del XX secolo come la Ford Motor Company.

Dal 1903, la compagnia incominciò ad utilizzare le prime 19 lettere dell’alfabeto per chiamare le nuove automobili. Nel 1908, nacque il modello T che fece il suo debutto con un prezzo di vendita di 825 dollari. Il primo anno ne furono venduti oltre diecimila, stabilendo così un nuovo record. Quattro anni dopo il prezzo fu abbassato a 575 dollari e le vendite aumentarono. Nel 1914, la Ford possedeva il 48 per cento del mercato automobilistico. Dopo 19 anni e 15 milioni di Modelli T, la Ford Motor Company passò ad essere un gigantesco complesso industriale che si espandeva in tutto il mondo.

L’aspetto fondamentale della capacità della Ford di produrre un’automobile accessibile, fu lo sviluppo della catena di montaggio, che incrementò l’efficienza della produzione e ne ridusse i costi. Non fu Ford ad inventarla, ma la perfezionò. Prima dell’introduzione della catena di montaggio, le automobili venivano assemblate singolarmente grazie a gruppi di lavoratori ben preparati, con un procedimento lento e costoso.

La catena di montaggio trasformò il processo produttivo automobilistico. A spostarsi non erano più i lavoratori, ma le automobili; gli operai svolgevano così in maniera costante la stessa attività d’assemblaggio. Con l’introduzione ed il perfezionamento del procedimento, Ford fu capace di ridurre il tempo d’assemblaggio del Modello T dai dodici ore e mezza a meno di sei ore.

Charles Sorensen – che due anni prima si era associato con Henry Ford – descrive così il momento in cui Ford gli chiese di creare una stanza segreta per realizzare il progetto del nuovo modello: “Nell’inverno del 1906, Henry Ford arrivò di prima mattina nell’ufficio dei modelli della fabbrica di Viale Piquette e volle vedermi. ‘Vieni con me, Charlie,’ mi disse,’ voglio mostrarti qualcosa.’

Lo seguii fino al terzo piano nella sezione nord, che non era completamente occupata dalla catena di montaggio. Si guardò intorno e disse: ‘Charlie, vorrei avere una stanza in questo spazio. Sistema una parete che abbia una porta sufficientemente grande perchè possa entrare ed uscire un’automobile. Metti una buona serratura e quando sarà pronto, faremo in modo che Joe Galamb venga qui. Incominciamo un lavoro completamente nuovo.’ La stanza che chiese fu la sala parto del Modello T.

Nel marzo del 1908, eravamo già pronti ad annunciare il Modello T, ma non a produrlo; il 1° ottobre di quell’anno fu presentata in pubblico la prima automobile. Nella piccola stanza di Joe Galamb, al terzo piano, nacque questo veicolo rivoluzionario. Nei successivi 18 anni, in Viale Piquette, Highland Park, River Rouge, e nelle fabbriche di tutti gli Stati Uniti se ne produssero oltre 15.000.000.”

Nascita della catena di montaggio

Qualche mese dopo – nel luglio del 1908 – Sorensen ed uno dei fondatori della fabbrica passarono i loro giorni di riposo a sviluppare i principi della catena di montaggio:

“Alla Ford ci s’impegnò per trasferire il lavoro da un operaio all’altro, fino a trasformarlo in un’unità completa, e successivamente ordinare il flusso di queste unità nel momento adatto e verso il posto appropriato, per giungere ad una linea in movimento da cui uscisse il prodotto finito. Malgrado fossero già stati usati alcuni di questi principi, la linea diretta di successione della produzione di massa e la sua intensificazione in processi automatici, nacque direttamente dall’esperienza fatta alla Ford Motor Company tra il 1908 ed il 1913.

Questo tipo di montaggio risultava più semplice, facile e rapido se a muoversi era il telaio. L’assemblaggio iniziava in una zona della fabbrica, poi s’aggiungevano gli assi e le ruote, dopodichè girava per tutta l’officina. Lewis ordinava i pezzi sul pavimento; quelli necessari all’inizio si trovavano nella parte in fondo dell’edificio, mentre gli altri erano distribuiti lungo il percorso della catena di montaggio man mano che il telaio si muoveva.

Messa a punto

I fondamenti della catena di montaggio erano ormai stabiliti, ma furono necessari altri cinque anni per mettere a punto il concetto. La realizzazione pratica dovette aspettare la costruzione di una nuova fabbrica a Highland Park, creata proprio per questo motivo e che comprendeva la catena di montaggio. Il processo incominciò al piano superiore di un edificio di quattro piani, dove il mezzo era assemblato e passo per passo scendeva fino al piano inferiore dove la carrozzeria era unita al motore.

“Nell’agosto del 1913, tutti gli anelli della catena di montaggio erano completi, eccetto l’ultimo e più caratteristico – quello che avevamo sperimentato una domenica mattina di cinque anni prima. Il cavo del rimorchio fu legato nuovamente al telaio, questa volta tirato da un argano. Ogni parte fu unita secondo il movimento del telaio, partendo dagli assi fino ai pezzi al termine della catena di montaggio. L’assemblaggio di alcune parti richiedeva più tempo; quindi, per mantenere un movimento stabile del cavo, erano necessari degli intervalli con spazi differenziati tra il rifornimento delle parti e la velocità, e lo stesso accadeva anche nella catena di montaggio, garantendo così un’operazione perfettamente sincronizzata durante l’intera fase della produzione. Prima della fine dell’anno, era già operante una catena di montaggio alimentata da energia elettrica, e con il nuovo anno furono installate altre tre linee. La Ford aveva iniziato la produzione di massa ed una nuova era nella storia industriale”

Aspetti principali dello sviluppo della Ford Motor Company nel suo primo secolo d’attività:

1903 — il gruppo Malcomson fonda la Ford Motor Co.; Modello A prodotto nella fabbrica affittata di Mack Ave.
1904 — la compagnia costruisce la fabbrica di Piquette Ave. all’angolo con Beaubien, ancora esistente e restaurata; a Windsor, Ontario, viene ufficializzata la Ford Canada.
1906 — la Ford acquista la Olds, la Buick e la Cadillac e si prepara a diventare il produttore automobilistico numero uno degli Stati Uniti; Henry Ford diventa il presidente della compagnia ed il principale proprietario.
1908 — introduzione del leggendario Modello T
1910 — apre la fabbrica di Highland Park, l’assemblaggio del Modello T si trasferisce e la fabbrica di Piquette chiude
1911— prima fabbrica all’estero, Manchester, Inghilterra; Ford vince il brevetto Selden
1915 — compra il terreno per la fabbrica Rouge a Dearborn; 1 milione d’automobili costruite
1917 — è introdotto il primo camion Ford- il Modello Ford TT.
1921 — 5 milioni d’automobili costruite
1922 — la Ford Motor Co. acquisisce la Lincoln Motor Co.
1925 — primo camioncino introdotto nel mercato; nasce la Ford Germania
1927 — finisce la produzione del Modello T con 15 milioni; la fabbrica viene ristrutturata per sei mesi ed inizia la costruzione del Modello A.
1932 — è introdotta la Ford V-8 e la Ford Inglese Modello E
1935 — nasce la Lincoln-Zephyr, prima Ford di prezzo medio
1937 — 25 milioni d’automobili costruite
1938 — nasce la Mercury 39, secondo modello di prezzo medio
1939 — La Ford impressiona con la produzione della Lincoln-Zephyr Continental.
1941 — primo general purpose vehicle (“per tutti gli usi”), o “jeep”, costruito per l’esercito.
1948 — sono presentati i modelli del 1949, le prime automobili post-guerra
1950— la Ford acquisisce la Chrysler per riprendere il secondo posto
1954— nasce la Thunderbird
1955 — nasce la Continental Mark II
1956 — vendita degli utili iniziali della Ford Motor Co.; è inaugurato a Dearborn il nuovo edificio degli Uffici Centrali, in seguito Uffici Centrali Mondiali, attualmente Centro Mondiale Henry Ford II.
1957— 58 Edsel
1958— Thunderbird con 4 sedili
1959— 50 milioni d’automobili costruite; Ford Galaxie.
1960— è introdotto la Mercury Comet, “compatta di lusso”
1961 – Econoline “camion compatto”
1962 — Ford Fairlane e Mercury Meteor.
1964 — nasce la Mustang
1965 — entra nel mercato europeo il camioncino Ford Transit, primo design europeo transnazionale; Introduzione negli Stati Uniti del Bronco, prima autovettura Ford sportiva/utilitaria
1970 — Ford Pinto
1973 — Mustang II
1976 — lancio sul mercato europeo della Ford Fiesta, compatta con trazione anteriore
1977 — esordio della Fox con telaio compatto
1978 — è introdotto il telaio “Panther” con carrozzeria grande; il principio delle Ford Crown Victoria, Mercury Grand Marquis e Lincoln Town; 150 milioni di veicoli Ford fabbricati in tutto il mondo. La Ford acquisisce il 25 percento della Mazda.
1980— Ford Escort, “auto dell’anno”
1982 — esordio del camioncino Ranger compatto; nasce la prima automobile stile “jelly-bean”,
1983 – Thunderbird e Mercury Cougar
1985 — esordio del FWD Ford Taurus e del Mercury Sable
1987 — Lincoln Continental
1990 — Explorer SUV
1992 — nasce il minivan Mercury Villager, in collaborazione con la Nissan
1993— viene immessa sul mercato europeo la Ford Mondeo “auto dell’anno”
1994 — introduzione del minivan Ford Windstar
1996 —250 milioni d’automobili costruite
1997 — introduzione del Lincoln Navigator SUV;
1998 — lancio sul mercato europeo della Focus
1999 – la Ford è nominata auto del secolo
2000 — introduzione del Lincoln LS e del modello Jaguar Tipo S; acquisto del Land Rover dalla BMW;
2001— nasce la Ford Thunderbird con due sedili posteriori
2002 — nuovo design della Mustang, l’unica superstite dei “pony car”
2003 — la Ford Motor Company celebra il suo centenario

Siamo qui per aiutarti

Hola! Per una domanda o una richiesta particolare, siamo qui per te.

Mettiti in contatto con noi

+53 7837 1666

Why Rent a car with CarRentalCuba.com?

  • Possibility of collecting and returning your car in rental offices throughout Cuba.
  • We guarantee that your car is ready the moment you arrive at the car rental office.
  • We offer a wide variety of car models and categories.
  • Destination assistance in Havana, Trinidad, Santiago de Cuba, Baracoa.